domenica 3 febbraio 2008

DA NON LEGGERE SE ESTREMAMENTE SENSIBILI


MA CHE COSA AVRA' PAPA RATZINGER NELLA TESTA?E SE LA RISPOSTA FOSSE QUESTA?
VI SEMBRA IMPOSSIBILE?
NON SARA' PIU' COSI',DOPO CHE AVRETE LETTO QUESTO ARTICOLO:
Il Papa: "La vita va difesa anche prima della nascita" Non fermatevi al titolo,nn rappresenta niente di nuovo,leggete bene,comunque un riassunto ve lo faccio io.
Allora:niente di nuovo se diciamo che Ratzi è contrario all'aborto,e all'eutanasia,e comunque nn è il solo,sia nel suo ambiente che in altri(anche se lui,con il martellamento continuo che fa,e con la posizione che occupa,rompe certamente le balle più di quanto potrebbe fare chiunque!),ma ora vediamo cosa ha scatenato l'ultimo intervento del papa!
Queste le sue parole:"Ognuno, secondo le proprie possibilità professionalità e competenze - ha detto il Pontefice - si senta sempre spinto ad amare e servire la vita, dal suo inizio al suo naturale tramonto. E' infatti impegno di tutti accogliere la vita umana come dono da rispettare, tutelare e promuovere, ancor più quando essa è fragile e bisognosa di attenzioni e di cure, sia prima della nascita che nella sua fase terminale". "Mi unisco ai vescovi italiani - ha detto ancora il Papa - nell'incoraggiare quanti, con fatica ma con gioia, senza clamori e con grande dedizione, assistono familiari anziani o disabili, e a coloro che consacrano regolarmente parte del proprio tempo per aiutare quelle persone di ogni età la cui vita è provata da tante e diverse forme di povertà". E fin qui,direte,niente di nuovo sotto il sole......ne siete sicuri?
Leggete la risposta di 4 ospedali degli atenei romani,LA SAPIENZA,(sì,anche La Sapienza!)TOR VERGATA,LA CATTOLICA E IL CAMPUS BIOMEDICO,che si dicono disposti a rianimare i feti abortiti!Avete letto bene,sì,si rasenta la fantasia più malata alla Frankestein,solo che quello era un romanzo,questa potrebbe diventare realtà!
"Un neonato vitale, in estrema prematurità, va trattato come qualsiasi persona in condizioni di rischio, e assistito adeguatamente". "con il momento della nascita la legge attribuisce la pienezza del diritto alla vita e, quindi, all'assistenza sanitaria". SI',MA QUI C'E' STATO UN ABORTO,NON UNA NASCITA..........Di fatto, nel caso in cui un feto nasca vivo dopo un'interruzione di gravidanza, il neonatologo deve intervenire per rianimarlo, "anche se la madre è contraria, perché prevale l'interesse del neonato". "Nell'immediatezza della nascita - afferma Cinzia Caporale, biologa e membro del Comitato nazionale di Bioetica - il medico deve agire in scienza e coscienza sull'opzione di rianimare, indipendentemente dai genitori, a meno che non si palesi un caso di accanimento terapeutico". NON SI SPECIFICA SE CIO' POTREBBE ESSERE ATTUATO IN ABORTI DOPO LA 22ESIMA SETTIMANA,CIOE' DOPO IL 4° MESE,ANCHE SE SEMBREREBBE IMPLICITO,PERCHE' SOLO DOPO TALE TERMINE SAREBBE POSSIBILE,CON LE TECNICHE A DISPOSIZIONE,MANTENERE IN VITA IL FETO,COSA CHE STA MOLTO A CUORE AI VESCOVI ITALIANI,A QUANTO PARE!"L'attività rianimatoria esercitata alla nascita dà il tempo necessario per una migliore valutazione delle condizioni cliniche, della risposta alla terapia intensiva e delle possibilità di sopravvivenza, e permette di discutere il caso con il personale dell'Unità ed i genitori". "Tuttavia, se ci si rendesse conto dell'inutilità degli sforzi terapeutici, bisogna evitare a ogni costo che le cure intensive possano trasformarsi in accanimento terapeutico".
"non ritengo necessario chiedere il consenso della madre - sottolinea la biologa membro del Comitato nazionale di bioetica - in questo caso infatti si esercita un'opzione di garanzia con cui si tutela un individuo vulnerabile e fragile, qual è il neonato, in una fase in cui non si hanno certezze cliniche".MA E' UN FETO,NON E' UN NEONATO!CON QUESTI DISCORSI,SEMBRA CHE EQUIPARINO L'ABORTO ALL'OMICIDIO,NN E' ACCETTABILE! "Secondo me - aggiunge - si può presumere lo stato di abbandono giuridico del neonato da parte della madre, che ovviamente può tornare indietro sulla sua decisione".L' ABBANDONO GIURIDICO E' UN'ALTRA COSA:E' QUELLO CHE LE DONNE FANNO QUANDO LASCIANO IL BAMBINO IN STATO DI ADOTTABILITA',PERCHE' L'ABBANDONANO ALLA NASCITA, O DOPO,ALL'OSPEDALE,QUI INVECE SI DECIDE DI NON FARLO NASCERE! "Non si può decidere di assistere un neonato solo in base alla settimana di gravidanza - spiega Domenico Arduini, direttore della Clinica ostetrica e ginecologica di Tor Vergata - ma in base alla patologia della madre e del figlio. Un bambino nato alla 21esima settimana non sopravvive, ma già a partire dalla 22esima ha tra il 14 e il 26% di possibilità". MENO MALE CHE PRIMA NN E' POSSIBILE,NON VORREI CHE CI RITROVASSIMO DEI MEDICI IN CAMERA DA LETTO A RIANIMARE GLI SPERMATOZOI CHE BUTTIAMO VIA,SULLE LENZUOLA,NEGLI ASCIUGAMANI,NEI PRESERVATIVI!!!!!!!!!SCUSATE LO HUMOR NERO,MA MI SORGE SPONTANEO!Salgono le aspettative di vita dalla 23esima settimana: "Al primo giorno le probabilità oscillano tra il 30 e il 47% - dice Giuseppe Noia, docente di Medicina prenatale alla Cattolica - oggi rispetto a dieci anni di fa migliorano le aspettative di sopravvivenza, ma il problema della scelta dell'assistenza è sul futuro del neonato e un'eventuale disabilità. Alcuni genitori preferiscono addirittura che i loro bimbi non vengano assistiti".QUEST'ULTIMA FRASE ANDREBBE CHIARITA MEGLIO.QUI SEMBRA CHE SI PARLI DI ORCHI CHE BUTTANO I BAMBINI DEI BIDONI DELL'IMMONDIZIA!
QUINDI,MI CHIEDO:CHE FINE FAREBBERO I FETI (PERCHE' IO PARLO DI FETI,PERCHE' TALI SONO)ABORTITI A CAUSA DI LORO ANOMALIE,DISFUNZIONI,HANDICAP?SI PARLA QUI DI ABORTO TERAPEUTICO.QUINDI SI IMPEGNEREBBERO A FAR DI TUTTO PER RIANIMARE FETI DANDO LUOGO,SE SOPRAVVIVONO,A FUTURI BIMBI DISABILI NN VOLUTI DAI GENITORI,E CHE MAGARI NN VERRANNO NEMMENO ADOTTATI DA NESSUNO?CON I POLMONI NON ANCORA FORMATI,PER GIUNTA?NON ANCORA SVILUPPATI,CHE OLTRE ALL'HANDICAP CHE MAGARI E' LA RAGIONE PER CUI SONO STATI ABORTITI,ALTRE PATOLOGIE GRAVI CHE VI SI SOMMEREBBERO SICURAMENTE?CHE SENSO HA TUTTO QUESTO?TUTELA DELLA VITA LA CHIAMANO?MA SE UNA DONNA DECIDE DI ABORTIRE,PERCHE NN VIENE SEMPLICEMENTE RISPETTATA QUESTA SCELTA?UN BAMBINO SECONDO ME NN E' TALE FINCHE' NN VIENE AL MONDO,ED UN FETO ABORTITO NON SI PUO' CONSIDERARE UN BAMBINO.C'E' UN TERMINE DI LEGGE CHE STABILISCE FIN QUANDO E' LECITO ABORTIRE,PUNTO.
MI RIFIUTO DI PENSARE CHE CI SI DEBBA ACCANIRE COSI',CONTRO IL PARERE DELLA MADRE CHE HA DECISO GIA' COSA FARE.CERTO CHE NN POSSONO CHIEDERE IL SUO PARERE,LEI IL SUO PARERE L'HA GIA' DATO!CHE VORREBBERO FARE POI,UN RICATTO MORALE PER COSTRINGERLA A TORNARE SUI SUOI PASSI?
SEMBRERO' CATTIVA,INSENSIBILE,NN MI INTERESSA,A ME TUTTO QUESTO SEMBRA IL FRUTTO DI MENTI MALATE!
PERCHE' CERTA GENTE SI IMPEGNA TANTO A VOLERTI FAR NASCERE AD OGNI COSTO,FREGANDOSENE POI DELLA QUALITA' DELLA VITA CHE AVRAI?CHE RACCONTERANNO POI A QUESTI BAMBINI"GUARDA,SARESTI STATO UN FETO ABORTITO"AMMESSO CHE SIANO SANI DA POTER COMPRENDERE?
NON STO DICENDO CHE HA DIRITTO A VIVERE SOLO CHI E' SANO,NN FRAINTENDETEMI,CHI SE LA SENTE DI PRENDERSI LA RESPONSABILITA' DI METTER AL MONDO UN BAMBINO DI CUI SI SA GIA' CHE NASCERA'MALATO HA TUTTO IL MIO RISPETTO,(ANCHE SE COME SCELTA INFLUENZA TROPPO LA VITA DEL NASCITURO,MI SEMBRA PIU' UNA CONDANNA,SE CAPITA E NON ERA PREVISTO E' UN CONTO,MA SAPERLO GIA' MESI PRIMA E ANDARE AVANTI NON CREDO SIA GIUSTO,MA E' UNA MIA OPINIONE),STO DICENDO CHE NN CREDO GIUSTO CHE UNA DONNA DECIDA DI NON METTERE AL MONDO UN BAMBINO E POI QUESTO VENGA FATTO NASCERE LO STESSO,MAGARI MALATO,E QUINDI ABBANDONATO IN UN ISTITUTO.........MA E' QUESTA LA CARITA' CRISTIANA DI CUI TANTO PARLANO?

11 commenti:

Moticanus ha detto...

Tanto chissenefrega se il nascituro ha gravissime malformazioni che lo renderanno un vegetale o fortemente mutilato di qualche organo vitale. La questione è molto, molto delicata, ma non è possibile che nel nostro Paese sia abbia un legislatore giuridico ed uno spirituale!!

Daniele Verzetti il Rockpoeta ha detto...

Credo che qui si rasenti l'assurdo e l'aberrazione più profonda.

Credo che la violenta ingerenza del Papa abbia oramai superato ampiamente il limite di accettabilità.

Questi sono attacchi aggressivi e violenti a cui non si può non rispondere con feroce determinazione.

E quando si dovrà votare, tutti attenti a scegliere solo partiti laici al 100%

Oppure l'astensionismo è una scelta perseguibilissima.

rudyguevara-simona ha detto...

no daniele,l'astensionismo no,ti prego,non si risolve nulla!d'accordissimo con voi,la legge deve essere quella della ragione,nn della paura di andare a all'inferno,sennò l'inferno lo creeremo sulla terra!poveri bambini,di cui alla chiesa nn importa un tubo,se nn di strumentalizzarli per poter affermare le loro ragioni!ce l'hanno con l'aborto e lo vogliono togliere,useranno ogni mezzo,la cosa che mi fa specie è l'atteggiamento di quei medici!"nn chiederemo il parere della madre.....se poi avranno disabilità,vedremo".....bla bla bla!inaudito,nn si gioca con queste cose!

caramella-fondente ha detto...

Vogliono far tornare le donne in mano alle mammane (o alle cliniche svizzere)!
L’aborto terapeutico è l’interruzione volontaria della gravidanza provocata dai medici per preservare la salute della madre o evitare lo sviluppo di un feto segnato da malformazioni o gravi patologie. L’aborto terapeutico non si fa perchè una tizia qualunque non si è accorta prima di essere incinta e non vuole il pargoletto
1) Si tratta di evitare danni alla salute della donna, messa a rischio dalla gravidanza, altro che dare “una speranza di vita quando questa può svolgersi”!
Ci si mette la vita vera della donna sotto i piedi per permettere al feto di continuare a succhiare forza e salute da questo corpo, ritenuto un semplice contenitore che non ha il diritto di anteporre la propria salute a quella del feto stesso.
2) Si vuole evitare che un feto malformato o malato in modo grave, possa nascere in quanto: “Le condizioni del feto che possono indurre i medici all’aborto terapeutico comprendono i disordini cromosomici e metabolici, i difetti neurologici e le malformazioni.” Il feto è in condizioni tali da non poter sopravvivere o da sopravvivere in modo indegno. L’aborto terapeutico si pratica anche in caso gravidanze multifetali, che possono causare la morte o lo sviluppo ritardato dei feti.

Ricordiamoci che l’aborto viene concesso oltre i 3 mesi previsti dalla 194 solo in quanto “la legge consente ancora 180 giorni per l’interruzione su indicazione medica per grave pericolo per la vita della gestante o per grave pericolo per la sua salute fisica o psichica.”
Sai che donna serena è quella che vede un mostriciattolo deforme a due teste uscirle dall’utero al nono mese? O vede morire il figlio dopo averlo partorito perchè è senza polmoni e non può respirare?
Viva la vita dalla fecondazione al suo termine “naturale”?????
Viva il papa re!!

rudyguevara-simona ha detto...

brava caramella,sottoscrivo in pieno!continuo a nn capire i medici che si sono schierati col papa,lui nn mi meraviglia più....."e tu partorirai con dolore...........".punizione divina,no?.una deve dare il sangue,la vita e sputare le ossa,sennò che donna è?sai che mi hanno raccontato che quando c'erano le suore in ospedale(nn so se ancora ci siano,ma molte sono sparite dalle corsie,x fortuna!),succedeva che quando una donna abortiva,le portavano un contenitore x farle vedere il feto"che aveva ucciso?".si ritornerà a questo?nel caso dell'aborto terapuetico,glielo porteranno a far vedere,deforme ed agonizzante?mamma mia,povere donne,che pena,e poveri bambini con la forza, creaturine senza colpa!

Anonimo ha detto...

E' assurdo che non tengano in considerazione il volere di chi e' l'unica responsabile di una gestazione.Vorrei che le maledizioni di queste madri-coraggio e degli eventuali infelici sopravissuti,raggiungessero la chiesa cattolica e chi segue servilmente i suoi abominevoli insegnamenti.

Cristiana dicolamia

Prescia ha detto...

sulla rianimazione dello spermatozoo ho avuto un sussulto, stavo crepando dalle risate....
in affetti il prossimo passo sarà quello di raccogliere i preservativi lasciati da quegli esserei immondi che disperdono il loro seme evitando malattie nonchè eccesso di feti in cassonetti vari, e provvedere alla loro rianimazione...
vabè ormai, se ne sentono di ogni genere...
tolgono il latino dalal scuola media...anni fa...e loro tornano alla messa in latino...
(che io amo il latino per carità, ma si rendono conto che non tutti sono in grado di comprendere???)
che calendario hanno in vaticano?quello del 1400 o quello del 2008????
mah...

caramella-fondente ha detto...

A questo punto sarà vietato anche ai maschietti di masturbarsi...quanti spermatozoi muoiono?

rudyguevara-simona ha detto...

lo so,la situazione è assurda,la realtà è sempre più fantasiosa dell'immaginazione,peccato che stavolta coinvolga degli esserini innocenti e le donne,che nn vengono mai rispettate e trattate come individui.la chiesa è rimasta al medioevo,e questi medici assomigliano sempre di più agli alchimisti.chissà quanti sono gli spermatozoi uccisi dai preti!ma x loro non conta!che predichino in latino,in italiano o in serbo,non mi avranno mai nelle loro file!

Finazio ha detto...

Passano i secoli ma la chiesa ed i cattolici più bigotti (o interessati) non la smettono di pensare e fare mostruosità. Sembra un film horror ma è solo l'ultima pensata di gente che si autodefinisce illuminata dalla fede e dalla bontà.

rudyguevara-simona ha detto...

è un atto di forza,finazio,vogliono dimostrare che comandano loro,e purtroppo mi sa che è vero!in italia la laicità è una vana chimera!a volte mi chiedo:se garibaldi avesse saputo come sarebbe stata l'italia,si sarebbe dato tanto da fare?